TI ASPETTIAMO

STORIA

LA NASCITA

ATTO
Da anni frequento il club di Mariano Comense, tutte le domeniche mi reco al bar del “Fric” e con mio papà, Prospero, Santino e dei miei amici che ogni tanto mi seguono (Angelo, Roby, Giulio..) aspettiamo il pullman in arrivo dal club comasco per recarci allo stadio.
Negli ultimi periodi vengono spessissimo Floriano e Franco (due soci fondatori del Club di Meda) che pian piano iniziano a inculcarmi l’dea di creare noi un Club a Meda. L’opera di convincimento riesce e quel fatidico Marzo del 1991 ci rechiamo in uno studio notarile a stipulare l’atto costitutivo della società non a fini di lucro Juventus Club Meda. Ricordo ancora la fatica e l’imbarazzo quando ho dovuto poi raccontare agli amici del Club di Mariano (Franco e Mario in particolare) che non avrei rinnovato con loro l’abbonamento e che saremmo diventati “concorrenti” per i pullman verso Torino, visto che anche i miei amici avevano seguito me. Da li nacque l’avventura...

IL PRIMO ANNO

18

Facciamo subito le cose in grande, inaugurazione nella storica Villa Traversi con ospiti il mister Trapattoni, la signora Scirea e Antonio Conte arrivato alla Juventus da qualche mese (dovevano venire anche Peruzzi e Casiraghi ma furono chiamati in nazionale per uno stage e per una amichevole con la primavera dell’Empoli). Facciamo più di 100 abbonamenti allo stadio e iniziamo a organizzare pullman tutte le domeniche...li stiamo ancora organizzando!
In me la malattia calcistica ha già fatto si che nelle vene il rosso sia sostituito da liquido bianconero che ha completamente rivoluzionato e segnato la mia vita (si, anche quella lavorativa!).
Il Club cresce grazie anche all’impegno dei soci fondatori (Landino in particolare) e in poco tempo diventiamo un punto di riferimento per la Brianza bianconera.

LE COLLABORAZIONI

17-1

Organizzare pullman per Torino ormai è prassi e ritualità ma per le trasferte (ovunque giochi la Juve) non è semplicissimo: non per tutti è normale perdere due ore di sonno e lavoro per seguire una passione.
Quindi ci si da una mano tra gruppi e qui la figura del sciur Rigamonti riveste particolare importanza. Da lui nasce in molti dei ragazzi che vengono con me una passione autentica ovvero quella di portare quel pezzo di stoffa con scritto MEDA dove gioca la Juventus, passione che si tramanda da 20 anni.
Seguiranno altri importanti organizzatori/amici che ci permetteranno di andare in Italia e in Europa a seguire quella maglia a strisce verticali bianconere ovunque scenda in campo, tra cui vorrei ricordare Christian dei Viking, Toni, Enz e Pier del Nucleo.

LE TRASFERTE EPICHE
La prima trasferta importante organizzata è stata un pullman (si, un pullman) che dalla vecchia sede del Bar Eden partì alla volta di Madrid per una partita di coppa con a bordo 40 persone che in tre giorni ne combinarono di tutti i colori. Seguì poi un pullmino da 20 persone per Nantes, il treno per la finale di Roma nel maggio ’95, i pullman per Barcellona, Amsterdam, Dortmund, Francoforte, Manchester, Leverkusen, Basilea e i voli per Newcastle, Glasgow, San Pietroburgo, Stoccolma, Liverpool, Londra (numerose volte), Vienna, Graz, Dublino, San Sebastian, Bruges, Brema, Monaco, Bordeaux, Tel Aviv, Atene, Kiev, Borisov e Poznan.
Come dimenticare poi le trasferte in Italia a Lecce, Bari, Crotone, Napoli, Roma, Palermo, La Spezia, Ascoli; è solo un elenco e anche incompleto ma so che chi leggerà proverà come me un brivido per ogni nome e trasferta.

LE AMICIZIE DEL CLUB
Frequentare il Club in questi anni mi ha permesso di conoscere e farmi conoscere da molta gente, persone speciali con cui ho condiviso gioie e vittorie (tante), delusioni e sconfitte (poche) e persone che hanno anche influito sulle mie scelte di vita. Lo spirito che ha animato il gruppo è sempre stato importante e trainante nelle decisioni di organizzare questo e l’altro evento, e ha sempre permesso di reintegrare il gruppo di persone che man mano sono diventate sempre più importanti ed ha favorito quindi quel cambio generazionale che è necessario in ogni Club. Non voglio elencare nomi, sarebbe brutto per quelli non scritti, ma Paolo, Fulvio, Manuel, Debora e Marta sono state e sono persone importanti per me.
Stesso discorso per gli amici italiani ma lontani (ad esempio i ragazzi di Roma capeggiati da Carlo, Alessandro e Merlino) e per quelli “stranieri” come i ragazzi di Bruxelles Bianconera, Mons (Puma e Ennio in particolare), il Gruppo Greco (il presidente Victoras e Dimi da Patrasso), Juuso dalla Finlandia e i ragazzi del Legia Varsavia e di Den Haag.

I GIORNI NOSTRI

50

Il 12 ottobre 2004 abbiamo organizzato presso il Ristorante Golf Club di Carimate una cena sociale alla quale ha partecipato anche l’ex calciatore Gianluca Pessotto, attuale dirigente della Juventus.
In occasione del ventesimo anniversario della tragedia dello stadio Heysel, alcuni rappresentanti del nostro gruppo si sono recati a Bruxelles per partecipare alla cerimonia di commemorazione organizzata dai ragazzi di Bruxelles Bianconera.
Il 1 luglio 2006 il Club ha partecipato alla manifestazione “La Juve Siamo Noi”, a difesa dell’orgoglio juventino.

IMG_6548
Dal maggio 2007, anno in cui abbiamo posto una targa presso lo stadio “Città di Meda” per ricordare i caduti dell’Heysel, il Club organizza ogni anno un torneo di calcio benefico. Vengono organizzati regolarmente tornei di scopa d’assi, di Burraco e di calcetto.
A febbraio 2011 abbiamo allestito una mostra presso la Sala Civica di Meda dal titolo “Venti anni di amore”: attraverso cimeli, maglie, sciarpe, bandiere, biglietti abbiamo cercato di raccontare i nostri anni al seguito della Juventus, passando attraverso gioie e delusioni, dalla Coppa Campioni alla Serie B.

DSC_0003 [1280x768]

Il 15 marzo 2011 ci siamo ritrovati nella stessa Villa Traversi che ospitò l’inaugurazione nel 1991 per festeggiare i nostri primi 20 anni di attività. Oltre a Mariella Scirea, Ezio e gli amici del Centro Coordinamento Juventus Club Doc e a Valeria Ciardiello di Juventus Channel era presente il calciatore Alessandro Matri che ha firmato autografi per tutta la serata ed è stato estremamente disponibile con tutti coloro che volevano una foto ricordo.

meda 20 anni_11

Dal 5 aprile 2011 è disponibile un libro scritto dai ragazzi del Club che raccontano aneddoti, trasferte, amicizie al seguito della Juve.
In seguito alle dimissioni di Floriano, il 5 luglio 2011 sono stato eletto all’unanimità PRESIDENTE dello Juventus Club Meda.

LUNGA VITA AL CLUB!

IL PRESIDENTE
Romeo Radice


SCARICA LO STATUTO DELLO JUVENTUS CLUB MEDA DOC GAETANO SCIREA

IL NOSTRO SIMBOLO

stemmajcmNERO
Il nostro simbolo è stato disegnato da Anita Furiato.



barra_italia